SASSI KULT MATERA
Invia pagina Invia questa pagina
 Cerca nel sito
 Iscriviti alla Newsletter
HOME   |   RETE SOCIALE   |   MATERA   |   CULTURA   |   FORUM   |   PARTECIPA   |   VIDEO CONTATTI
 
RETE SOCIALE > Ambiente Pagina 3 di 69  Precedente | Successiva
   
RETE SOCIALE
12/10/2015  Lascia un commento
Comunicato Stampa incremento combustibile Css Italcementi Matera
Ing. Paolo Manicone - Consigliere Comunale di Matera

A due anni dalla cosiddetta Mozione Italcementi del 04 giugno 2013, il Comune di Matera, l’8 ottobre 2015, è stato convocato dalla Regione Basilicata, Ufficio Ambiente, in conferenza di servizi per esprimersi su ampliamenti, adeguamenti impiantistici e sull’incremento di 60.000 tonnellate/anno di CSS (Combustibile solido secondario), che vanno aggiunti agli altri combustibili ancora in uso dall’Italcementi quali pet-coke, pneumatici, materiali plastici ed altro.

Alla conferenza di servizi erano presenti i tecnici dell’Italcementi, il Comune di Matera, il Comune di Santeramo, la Provincia di Matera, l’Arpab e i funzionari dell’Ufficio ambiente della Regione Basilicata.

Sento il bisogno di comunicare perché avverto una sensazione negativa.

Nel corso della discussione della conferenza di servizi regionale, dopo due anni di impegno per tutelare il nostro territorio e la salute pubblica, e la precisa richiesta di dati scientifici tali da assicurare certezze sullo stato di terra , aria e acqua, siano ormai cosa passata nel dimenticatoio.

Chiedo ai protagonisti istituzionali incaricati di esprimersi e rilasciare autorizzazioni, innanzitutto chiarezza e fermezza , in quanto questa vicenda interessa non solo la tutela dell’ambiente, ma in modo più ampio e concreto la salute pubblica dei nostri concittadini.

Il dato riconosciuto da tutti, Consiglio Comunale di Matera, Associazioni, Comitati, Ente Parco, è che se dal 1994 ad oggi, l’Italcementi ha incenerito pet-coke, pneumatici e rifiuti, di contro, non c’è stato un adeguato e scientifico monitoraggio.

O meglio, i monitoraggi sono recenti e parziali. Su questa base, sono stati redatti due rapporti Arpab e una raccolta di altri dati, i quali non sono esaustivi e neppure rispettano tutti i punti dei due protocolli sottoscritti da Italcementi, Regione Basilicata e Comune di Matera, nel 2010 e nel 2011. Insomma, rimane certo un solo dato, ovvero, che nulla sappiamo sull’influenza di queste emissioni sul nostro territorio e sulla salute umana.

Quello che chiedo, per la nostra comunità, insistentemente da due anni è conoscere i dati scientifici certi sull’impatto che l’Italcementi ha avuto sul nostro territorio a confine del Parco della Murgia. Si tratta di disporre dati scientifici, che diventino la base di partenza su cui verificare l’impatto delle emissioni su suolo, aria e acqua, in modo tale che le future variazioni del mix di combustibile utilizzato nei processi produttivi, possa essere confrontato con un dato di partenza certificato.

Si comprende bene la motivazione di questo necessario passaggio: finché non disponiamo di questo dato di partenza, come può essere ampliata e diversificata la possibilità di bruciare altri mix di combustibili?

Chiediamo tanto?

La comunità materana che vive vicinissima a questo impianto, prospiciente i Sassi di Matera, che è stata nominata Capitale della Cultura 2019, con flussi turistici crescenti di stagione in stagione, si trova a convivere con quest’Azienda da decenni, può conoscere lo stato di salute del suo territorio dal punto di vista ambientale ? Può decidere il proprio futuro secondo una prospettiva condivisa e sostenibile?

D’altra parte, se l’Italcementi, eliminasse completamente dai processi produttivi i combustibili quali pet-coke e pneumatici, usando gas, sarebbe un primo passo verso il riconoscimento e rispetto che il mondo ci riconosce quale patrimonio UNESCO e per il recente ruolo di Capitale Europea della Cultura 2019.

Il profitto o il risparmio aziendale, legato all’incenerimento dei rifiuti, fino a quando è sostenibile per una realtà come quella materana, che ha il diritto fondamentale di lavorare ed esistere secondo la sua autoderminazione?

La nuova proprietà sarà sensibile nel riconoscere le nostre legittime aspettative?

Per la storia della città, ricordiamo solo che il grande archeologo Dinu Adamesteanu, nel febbraio del 1969, espresse parere negativo sulla nascita di un impianto di produzione nel bel mezzo di una serie di villaggi trincerati preistorici, scoperti e studiati da Domenico Ridola, in una parte dell’altopiano murgico che rappresenta una delle ricchezze più preziose e indiscusse del territorio materano e di tutto il Mezzogiorno. Un mese dopo, il parere fu parzialmente rivisto, ma sempre avendo a cuore le sorti di quello che gli esperti della materia definiscono il più antico sito abitato del mondo, dopo Aleppo e Gerico.

E’ da oltre diecimila anni che quel sito rappresenta una comunità radicata senza soluzioni di continuità su un territorio ereditato dal passato remoto, ma non per degradarlo nelle sue componenti essenziali, ma per consegnarlo il più possibile integro a chi verrà dopo di noi. La storia della città, come si comprende, è lunga.

Il giudizio delle generazioni future sul nostro modo di operare nei confronti della tutela di un patrimonio così generoso, dipende solamente da noi, come intendiamo preservarlo oggi da ogni aggressione che ne snaturi la sua intima e delicata natura.

Matera, 12 ottobre 2015

Ing. Paolo Manicone
Consigliere Comunale
 
 
Commenta con il tuo Account di Facebook
 
 
   
S. Agostino
Osservatorio Sassi di Matera
Ipogei Piazza Vittorio Veneto
Il Parco delle Cave
Osservatorio Beni Culturali
Ambiente
Inquinamento atmosferico
Immagini di alto profilo
Discariche Urbane
Turismo
Amministrazione Comunale
Osservatorio Regione Basilicata
No Nuke
Scuola e Universitā
Solidarietā
Innovazione e Sviluppo
Regolamento Urbanistico
Osservatorio Politico
Dossier Fondi Pubblici
Lontani da un Paese normale
Matera Cambia
 
 
www.sassikult.it