SASSI KULT MATERA
Invia pagina Invia questa pagina
 Cerca nel sito
 Iscriviti alla Newsletter
HOME   |   RETE SOCIALE   |   MATERA   |   CULTURA   |   FORUM   |   PARTECIPA   |   VIDEO CONTATTI
 
RETE SOCIALE > Ambiente Pagina 14 di 71  Precedente | Successiva
   
RETE SOCIALE
02/10/2009  Lascia un commento
Fermare le trivellazioni nel Metapontino
No Scorie Trisaia - La Grande Lucania

A Policoro e nel Metapontino si estrae gas da circa un ventennio senza che il Comune e i suoi abitanti ne traggano benefici; anzi ne subiscono l’inquinamento dell’aria, delle falde idriche e in futuro potrebbero verificarsi nelle vicinanze dei pozzi pericolosi fenomeni di subsidenza. La subsidenza provoca un abbassamento del suolo (pericolosi vicino a case, centri urbani, fiumi e in riva al mare), con possibili smottamenti, frane e alluvioni.

A Policoro non esiste nemmeno una centralina fissa dell’aria che controlli lo smog delle automobili e nè dati consultabili dai cittadini sull’inquinamento petrolifero (ad es. il pericoloso idrogeno solforato). La produzione media annua di gas della concessione "Policoro" (4 pozzi di gas attivi), secondo i dati unmig, si aggira in media dai 8.990.265 mc ai 13.000.000 mc l’anno.

Con l’equivalente di circa 1/3 di tutto il gas che sarà estratto in base alla concessione "Policoro", si può erogare gas gratis a 4000 famiglie (almeno 1000 mc/cad) . In poche parole, applicando un reale federalismo delle risorse a Policoro, l’energia sarebbe gratis. Invece, esauriti i giacimenti di gas e petrolio, ci ritroveremo, se non si attueranno interventi di difesa dell’ambiente e del territorio, un deserto senza agricoltura e turismo.

Ad economie locali distrutte, non riusciremo più ad autosostenerci con l’ottica del federalismo imposto dal governo, secondo la quale le tasse le devono pagare i cittadini, mentre il gas è delle compagnie petrolifere (questo è contro l’interesse dei cittadini e solo utile alle lobbies del petrolio e ai loro affari).

Chiediamo immediatamente alle istituzioni di bloccare le estrazioni (in pieno ferragosto la Regione ne ha autorizzata una in via Marconi a Policoro) e risarcire i danni finora provocati dai pozzi attivi e da quelli esauriti. Chiediamo una legge che limiti le emissioni degli inquinanti e una rete di monitoraggio ambientale con costi a carico dei petrolieri.

No Scorie Trisaia - La Grande Lucania
 
 
Commenta con il tuo Account di Facebook
 
 
   
S. Agostino
Osservatorio Sassi di Matera
Ipogei Piazza Vittorio Veneto
Il Parco delle Cave
Osservatorio Beni Culturali
Ambiente
Inquinamento atmosferico
Immagini di alto profilo
Discariche Urbane
Turismo
Amministrazione Comunale
Osservatorio Regione Basilicata
No Nuke
Scuola e Universitā
Solidarietā
Innovazione e Sviluppo
Regolamento Urbanistico
Osservatorio Politico
Dossier Fondi Pubblici
Lontani da un Paese normale
Matera Cambia
 
 
www.sassikult.it