SASSI KULT MATERA
Invia pagina Invia questa pagina
 Cerca nel sito
 Iscriviti alla Newsletter
HOME   |   RETE SOCIALE   |   MATERA   |   CULTURA   |   FORUM   |   PARTECIPA   |   VIDEO CONTATTI
 
RETE SOCIALE > Ambiente Pagina 45 di 71  Precedente | Successiva
   
RETE SOCIALE
03/12/2008  Lascia un commento
Le politiche deleterie del governo in tema di energia
Con il decreto legge 185/2008 approvato venerdì 28 novembre dal Governo italiano diventa più difficile usufruire delle detrazioni del 55% su Irpef e Iras per gli interventi di riqualificazione energetica.

Da ieri i privati e le imprese intenzionati a chiedere le detrazioni dovranno inviare una domanda telematica all’agenzia delle Entrate (oltre alla documentazione all’Enea che serviva fino all’approvazione del decreto legge) e sperare che i fondi stanziati non siano ancora terminati ma soprattutto che l’agenzia gli risponda, infatti pare che sia stato introdotto il silenzio dissenzo, cioè se l’agenzia non risponde entro 30 gg equivale ad un no!

Come se non bastasse il provvedimento è retroattivo per tutto il 2008. in pratica se una famiglia o un’azienda nel 2008 ha deciso di istallare impianti fotovoltaici per la produzione di energia ed abbia voluto usufruire delle detrazioni anzicchè del conto energia, sono fottuti. un impianto domestico di 3 kw costa 20.000 Euro uno industriale di 100kw quasi mezzo milione.

Una iniziativa infelice di questo genere oltre ad essere palesemente ingiusta e probabilmente anticostituzionale produrrà un effetto devastante in una nuova nicchia economica che stava nascendo e sviluppandosi nel nostro paese.

Tutte le aziende i rivenditori i progettisti e i certificatori vedranno svanire il lavoro che hanno fatto in questi anni.

Una fetta di economia VIRTUOSA viene spazzata via con un decreto legge.
Cancellazione dell’obbligo di produrre un certificato energetico negli atti di compravendita di immobili, incentivi illegali agli inceneritori di rifiuti, via libera per la localizzazione in Italia di centrali nucleari.

Intanto le multe da pagare per il mancato rispetto di kyoto crescono e sono destinate a salire esponenzialmente. Indovinate chi paga? 

Giambattista Saponaro
 
 
Commenta con il tuo Account di Facebook
 
 
   
S. Agostino
Osservatorio Sassi di Matera
Ipogei Piazza Vittorio Veneto
Il Parco delle Cave
Osservatorio Beni Culturali
Ambiente
Inquinamento atmosferico
Immagini di alto profilo
Discariche Urbane
Turismo
Amministrazione Comunale
Osservatorio Regione Basilicata
No Nuke
Scuola e Università
Solidarietà
Innovazione e Sviluppo
Regolamento Urbanistico
Osservatorio Politico
Dossier Fondi Pubblici
Lontani da un Paese normale
Matera Cambia
 
 
www.sassikult.it