SASSI KULT MATERA
 Cerca nel sito
 Iscriviti alla Newsletter
HOME   |   RETE SOCIALE   |   MATERA   |   CULTURA   |   FORUM   |   PARTECIPA   |   VIDEO CONTATTI
 
 INVIA PAGINA  
   
MENU' DEL SITO
Compila i campi del modulo e clicca sul tasto SPEDISCI.
La pagina verrà inviata via email, con l'eventuale messaggio, sia all'indirizzo del destinatario sia alla tua email.
 
OggettoNews
La Tua Email * Email destinatario *
Messaggio (facoltativo)
 
LA PAGINA CHE STAI INVIANDO
 
News 29/05/2022
Mutamenti a Mezzogiorno
Qualche settimana fa la giunta comunale ha approvato la rimodulazione dei finanziamenti, ex legge 64/86, per la realizzazione del cosiddetto sistema integrato dei parcheggi di accesso ai Rioni Sassi.
Comune di Matera - Delibera Giunta n. 543-2008 Comune di Matera - Delibera Giunta n. 543-2008
 Si tratta di una serie di interventi programmati e parzialmente realizzati nell’89 , finanziati dalla ex Agenzia per la Promozione dello Sviluppo del Mezzogiorno. Con questo provvedimento la giunta ha espresso la propria volontà di destinare i finanziamenti ancora disponibili per la realizzazione del parcheggio multipiano di via Gramsci (2.100.000,00 Euro) e il parcheggio di san Rocco a via Casalnuovo (1.111.219,79 Euro), già previsti dalla precedente programmazione. Si dà inoltre indicazione di destinare circa tremilioni di euro (3.000.000,00 Euro economia derivante dalla mancata realizzazione del parcheggio di san’Agostino) per la realizzazione di un nuovo parcheggio in un’area, in via Lanera - Via Castello, ricompresa tra il complesso di Sant’Anna ed il Campus Universitario.

La giunta intende "riqualificare" l’area con la realizzazione di un "parcheggio integrato al sistema della mobilità di cui il redigendo P.U.M. (Piano della Mobilità Urbana) dovrà tenerne conto quale cerniera per l’accesso da Matera centro al centro urbano".

Con una delibera successiva, l’esecutivo ha inoltre deciso di partecipare al bando di selezione, promosso dal Ministero dei Beni Culturali (programma "Progetti per la qualità dell’architettura"), per l’assegnazione di un finanziamento da destinare come supporto tecnico ed organizzativo al concorso di progettazione relativo alla riqualificazione dell’area di via Lanera.

Dall’intestazione dell’opera, "GIARDINO URBANO – INFRASTRUTTURE IPOGEE – Sistema integrato della Mobilità - Accesso agli antichi Rioni Sassi", non sono chiari gli obiettivi e gli interventi da realizzare. Va bene, anzi, benissimo, se l’obiettivo è il completamento del Parco del Castello.

In questo modo si concluderebbe un progetto che è in piedi da circa vent’anni, in piena sintonia con quanto previsto dall’attuale piano regolatore generale. Se così fosse per quale motivo la giunta ha deciso di avviare le procedure per il "concorso di progettazione" visto che il progetto del Parco esiste già ed è di ottima qualità?

Infatti, in questi anni è stato realizzato il primo stralcio, "il boschetto"; il secondo, l’area antistante il castello, il cantiere è in corso; il terzo, l’area sottostante la collina del castello, il progetto è in itinere. Per il suo completamento servirebbe intervenire lungo la striscia di terreno a verde sita di fronte alla scuola media N. Festa di via Lanera.

Dal combinato disposto delle due delibere adottate, risulta ben altro, da quanto previsto dal PRG. Si vuole, in quest’area, oggi attrezzata ad orto terrazzato, delicatissima dal punto di vista dell’equilibrio idrogeologico dell’intera zona, realizzare un imponente parcheggio con servizi aggiuntivi. Se questo è il tema del concorso, l’esito è scontato.

Cambiano apparentemente gli attori ma la musica è sempre la stessa.
Si aggrediscono le ultime aree verdi residuali di piano regolatore con nuove cementificazioni con il pretesto di realizzare opere pubbliche, evitando, accuratamente, di incidere sui suoli degli "intoccabili".

Vista la disponibilità dei fondi, ci si chiede come mai non si è pensato di intervenire nell’area dell’ex Giardino Porcari. Da tempo sosteniamo la necessita di una iniziativa pubblica su quest’area, un concorso di idee, libero da presunte rendite e aspettative di speculative. Invece no.

Si lascerà edificare l’ex giardino Porcari e si sacrificherà alla cementificazione l’attuale area verde di PRG di via Lanera ("degradata" per il nostro sindaco). Tutto questo per il bene della città e di quanti abitano e lavorano nel centro storico. Difatti, secondo la giunta, la realizzazione del parcheggio di via Lanera migliorerebbe "l’accesso agli antichi rioni". Questo modo di procedere conferma alcune nostre preoccupazioni, due in particolare. La prima è che questa amministrazione, a nostro parere, non si mostra disponibile a mettere in discussione le rendite presunte costituite (vedi i casi di serra rifusa, di contrada gravinella o dell’ex giardino Porcari), per ragioni comprensibili.

La seconda, prova la vocazione ad assumere decisioni importanti con atti esecutivi unilaterali, escludono qualsiasi forma di partecipazione. Questo è l’ennesimo.

La giunta ha deciso di cementificare un’area verde di PRG, scavalcando gli strumenti di pianificazione e programmazione in itinere (RU, PS, PUM ), come si faceva alla fine degli anni ottanta (zona 33, asse commerciale Matera - Venusio, Agna le Piane e via Gravina, Masseria alle Monacelle, ecc.). Sono solo alcune anticipazioni, si può immaginare cosa avverrà con il Regolamento Urbanistico.

Mutamenti a Mezzogiorno - Michele Morelli
     
 
 
 
 
   
RETE SOCIALE
MATERA
CULTURA
FORUM
PARTECIPA
 
 
www.sassikult.it